Rating Pubblico

News

Dopo l’esperienza conclusasi lo scorso anno con il Report sul Rating Pubblico della Regione Toscana, la Giunta ha deciso di confermare la collaborazione con Fondazione Etica…

  È in fase di conclusione lo studio per il Comune di Milano sul suo livello di trasparenza e accountability, oltre che di efficienza e integrità. Il progetto, sostenuto dalla Fondazione Cariplo, vede direttamente coinvolto l’Assessore Lorenzo Lipparini per le deleghe alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open data. Lo studio prevede una valutazione comparata con…

Siamo stati invitati dalla Commissione Europea – DG Regio a raccontare la nostra attività di analisi del Rating Pubblico sulle Regioni, ottenendo il plauso, tra gli altri, di Transparency International. La direttrice generale Vittoria Floyd Alliata, Direttrice per il rafforzamento della capacità amministrativa, ci ha inseriti tra gli interventi programmati della High level conference “Engaging…

Nel suo esordio all’OpenGovernment Forum, tenutosi a Roma nei giorni scorsi, il Ministro Dadone ha dedicato due ore all’ascolto delle istanze delle fondazioni e associazioni civiche componenti il Tavolo, rispondendo personalmente ad una ad una sulle problematiche e sulle proposte emerse. Nessuno dei precedenti Ministri lo aveva mai fatto con tanta attenzione e tanto tempo…

Comunque andrà la sfida tra Stefano Bonaccini e Lucia Borgonzoni per diventare governatore, probabilmente l’emilia-romagna continuerà a funzionare bene e a essere una delle Regioni benchmark per la gestione dei conti e i servizi erogati. Ma anche in Calabria, all’ultimo posto per i servizi ai cittadini, il risultato del voto del prossimo 26 gennaio verosimilmente…


COSA E’ IL RATING PUBBLICO

Il Rating Pubblico è uno strumento di valutazione e misurazione della trasparenza, integrità e performance delle Amministrazioni Pubbliche, locali e nazionali: gli indicatori sono quelli previsti dalle norme vigenti e la metodologia è quella degli Indici di sosteniilità Esg, utilizzati sui mercati finanziari.
La sua innovatività rispetto ai modelli di valutazione esistenti consiste nei seguenti punti:

  1. non necessita della collaborazione delle Amministrazioni al processo di valutazione,
  2. adotta il punto di vista degli stakeholders,
  3. recepisce le disposizioni normative degli ultimi anni (in particolare il d.lgsl.33/2013 e le leggi anticorruzione),
  4. misura i dati sia qualitativi che quantitativi della performance pubblica,
  5. contribuisce a prevedere il rischio di default,
  6. contribuisce a prevenire il rischio corruzione,
  7. individua un benchmark,
  8. supporta le PA che vogliano migliorarsi,
  9. consente il coinvolgimento dei cittadini.

A COSA SERVE

Il Rating Pubblico costituisce uno strumento concreto sia per le PA che per cittadini e imprese, principalmente per:

  • Innovare e migliorare la Pubblica Amministrazione
    La valutazione esterna e indipendente della trasparenza e performance delle singole Amministrazioni consente di compararle e, quindi, metterle in competizione, incentivando le meno virtuose seguire l’esempio di quelle virtuose.
  • Fare una spending review basata sul merito delle PA
    Il Rating Pubblico serve non tanto a dare pagelle, quanto a stabilire un benchmark tra le PA, consentendo ai Governi di avere un quadro comparato per una più corretta allocazione delle risorse secondo un sistema incentivante: chi fa meglio, deve avere più risorse.
  • Prevenire la corruzione
    Il Rating consente anche una valutazione della trasparenza delle PA, che è il primo baluardo contro la corruzione.
  • Fornire un supporto operativo alla macchina amministrativa
    Spesso le PA che non riescono a far fronte ai numerosi adempimenti normativi su trasparenza, efficienza, anticorruzione: il Rating Pubblico è un supporto operativo per capire come fare e dove migliorare.
  • Promuovere processi partecipativi
    Il Rating consente una partecipazione più matura dei cittadini: essi possono anche inviare dati in una sorta di Facebook della PA.

RICONOSCIMENTI

Il Rating Pubblico ha ricevuto riconoscimenti da Cassa Depositi e Prestiti, Confindustria (che ha definito il Rating Pubblico: “uno dei punti nevralgici della nostra idea di P.A.” e che pertanto “merita di essere sostenuto”), Kpmg, Lega delle Autonomie e da World Bank, la quale lo ha citato in un Report sui principali esempi internazionali di utilizzo dei dati per il rafforzamento della governance pubblica e lo ha presentato in due seminari interni a Washington.

Il Rating Pubblico è oggetto di collaborazione con ANAC, con PdCM – Dipartimento Affari Regionali, con Open Government presso il Dipartimento Funzione Pubblica, con Regioni quali la Toscana e con Comuni quali Milano, oltre con Caritas.

Ha, poi, ispirato il GovLoc Lab dell’Università Luiss-Icedd, guidato da Paola Caporossi di Fondazione Etica.

I Report sul Rating Pubblico degli enti territoriali sono stati richiesti da banche e da fondi di investimento istituzionali, mentre il Corriere della Sera pubblica periodicamente i risultati del Rating Pubblico.


 
Per saperne di più, vai al sito web dedicato, dove è spiegato in dettaglio come è nato e per quale scopo il Rating Pubblico, quale è la metodologia, chi ne sono i destinatari e i beneficiari, quali i risultati.

Vai al Sito 

 


 

In Evidenza

L’articolo del Corriere della Sera sul Rating Pubblico delle Regioni ha scatenato un dibattito acceso in molte di esse. Come prevedibile, le Regioni che si sono classificate ai primi posti hanno esaltato il risultato ottenuto, spesso però forzando il significato dell’analisi. Parimenti, nelle Regioni che hanno ottenuto un punteggio basso, collocandosi agli ultimi posti della…

La necessità di una due diligence… Mentre si continua a fare eventi sull’open government e sulle smart cities, si trascura il dato vero delle Pubbliche Amministrazioni italiane: che, a parte alcune scontate best practice, esse non sono né smart né open.

Video dell’incontro di Mercoledì 14 novembre durante il quale Fondazione Etica e Civicum, grazie al supporto di Arca Fondi SGR, hanno presentato “Valutare i Comuni per attrarre Investimenti, il Rating Pubblico dei Comuni”

E’ stato pubblicato il nostro nuovo rapporto NÉ SMART NÉ OPEN, INTANTO CITTÀ Secondo Rapporto sul Rating Pubblico dei Comuni: valutazione comparata della performance, trasparenza, anti-corruzione

GROSSETO – La presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della funzione pubblica ha scelto il Comune di Grosseto tra le Amministrazioni pilota per il progetto RiformAttiva, volto a promuovere nelle Regioni e negli enti locali l’attuazione della Riforma Madia. Con l’intento di accelerare la modernizzazione della pubblica amministrazione e rinnovare la fiducia con i…

Il Corriere della Sera, lo scorso 8 febbraio, ha pubblicato alcuni dati dal nostro nuovo Rapporto sui Comuni, che uscirà in marzo con Editore Rubettino. Di seguito l’estratto:   COMUNI, NON C’È BISOGNO DI TAGLI: CHI SA GUADAGNARE DAL PATRIMONIO IMMOBILIARE PUBBLICO QUALI SONO I COMUNI PIÙ TRASPARENTI SULL’USO DEI BENI IMMOBILI E PIÙ EFFICIENTI…

Presentazione del Rating Pubblico in World Bank – “Global Partership for Social Accountability”

disponibile

 

Vedi Anche

© 2013 Fondazione Etica.
Top