Luci nel parco: un ristoro e sale per la musica nel palazzo abbandonato.

GROSSETO – Si chiama “Luci nel Parco” ed è il progetto innovativo lanciato da Caritas, Fondazione Etica e Regione Toscana che vede Grosseto tra i primi territori d’Italia a sperimentare una nuova iniziativa nel sociale.

“Rispondere con strumenti innovativi di crescenti bisogni social e alle criticità derivanti dalla crisi economica e dalla progressiva carenza di risorse pubbliche” è questo il motivo spiegato da Don Enzo Capitani, direttore Caritas, che ha portato un gruppo di soggetti istituzionali e associativi di Grosseto a ritrovarsi per analizzare la situazione della città, che, come altre in Italia, si trova ad affrontare problemi complessi.

Da un lato, infatti, ci sono emergenze sociali, come povertà, disabilità, dipendenze; dall’altro, paure, come quelle per il lavoro, la casa, la sicurezza. Sono problemi interdipendenti, da affrontare non più solo con misure assistenziali, ma provando ad agire a monte, sulle cause.

Grazie alla collaborazione di questi soggetti è stato possibile elaborare una soluzione sperimentale, ispirata dalla Riforma del Terzo settore. Si tratta del progetto di investimento a impatto sociale denominato “Luci nel Parco”, che prevede la rigenerazione di un immobile pubblico in disuso all’interno del Parco della Maremma con finalità di integrazione sociale e di sviluppo economico.

«L’immobile e l’area circostante – spiega Vittorio Bugli, assessore regionale – saranno sistemati e provvisti di arredi e strumentazioni per l’avvio di alcune attività sociali ed economiche».

«Il progetto – spiega Paola Caporossi, presidente di Fondazione Etica – rispetto al passato prevede una serie di novità sopratutto per gli aspetti legati alla progettazione a impatto sociale». Tra le novità il carattere “multistakeholder” del soggetto promotore, l’intenzionalità di produrre un impatto sociale misurabile e ad ampio raggio, la modalità innovativa di finanziamento, la replicabilità».

«Luci è stato pensato non per fare l’ennesimo bel progettino sociale, uno dei tanti di cui il nostro Paese è ricco – aggiunge Don Enzo Capitani – ma per diventare un modello nuovo di fare politiche sociali».

Il progetto Luci, infatti, non si limita a fare beneficenza e va oltre la semplice rigenerazione di un immobile abbandonato. L’obiettivo è piuttosto, produrre un beneficio per l’intera comunità.

“Il progetto Luci – spiega Riccardo Breda, presidente della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno – rappresenta un esperimento interessante per la nostra economia: la sinergia innovativa tra sistema del credito, operatori del sociale e istituzioni consente non solo di recuperare spazi per la comunità a scopo benefico, ma elabora sul campo un modello di business del terzo settore effettivamente innovativo, in grado di contribuire in modo positivo sul sistema economico locale”.

L’attività principale cui il progetto darà vita è quella di ristorazione sostenibile, visto che l’immobile sorge su terreni dell’azienda agricola regionale.

Il “bio-local” sarà gestito da una cooperativa sociale che offrirà lavoro a soggetti in difficoltà e dovrà, nel termo, generare reddito. Una piccola percentuale di questo andrà ad alimentare un fondo dedicato a futuri progetti a impatto.

«Il principio ispiratore – spiegano i promotori – è che chi ha ricevuto, a sua volta doma e investe nella comunità».

La seconda attività è quella musicale: giovani, ma non solo, avranno a disposizione locali attrezzati per prove musicali e potranno esibirsi la sera nell’area spettacoli del “bio-local”.

«In cambio – continua Paola Caporossi – si impegnano per lo stesso principio ispiratore sopra detto, a insegnare uno strumento musicale a quanti non possono permettersi un corso di musica».

La terza attività è di tipo formativo e culturale: prevede la promozione della progettazione a impatto sociale, attraverso corsi di formazione per enti pubblici, volontari, studenti, aziende, anche con il supporto delle associazioni di categoria locali.

Una banca radicata sul territorio ha deciso di intervenire come partner privato finanziario, con una modalità innovativa di finanziare le attività sociali, secondo quanto previsto dalla riforma del Terzo settore.

«Si tratta di un certificato di deposito – spiega Bugli – il cui sottoscrittore riceverà una cedola semestrale, una percentuale della quale verrà devoluta a titolo di liberalità al progetto Luci, ricevendo un beneficio fiscale».

Le liberalità semestrali di tutti i sottoscrittori andranno al progetto Luci; il loro utilizzo sarà rendicontato online e i singoli sottoscrittori potranno verificare personalmente l’avanzamento del progetto con sopralluoghi sul posto, attivando un monitoraggio civico diffuso che coinvolgerà l’intera comunità».

(Il Giunco – 13/09/2019)

© 2013 Fondazione Etica.
Top