Open/Close Menu

Il primo Comune d’Italia

Bussola della Trasparenza, Open Data, Agenda Digitale, Anticorruzione: tutti bei progetti, ma sulla vita quotidiana delle persone sembrano avere inciso poco o nulla. Anzi, talora la percezione comune è che si tratti solo di slogan.

La reazione dei cittadini, tuttavia, non può essere la lamentela emotiva né, tantomeno, il disinteresse sfiduciato verso il proprio Comune.

Oggi c’è uno strumento concreto che consente di conoscere e valutare i Comuni per un monitoraggio esterno e un miglioramento continuo: è il Rating Pubblico, creato da Fondazione Etica, sostenuto da Cassa Depositi Prestiti e Confindustria nazionale.

Non serve a dare pagelle, ma a misurare la trasparenza, i costi, l’efficienza dei servizi, i tempi di pagamento alle imprese fornitrici, i premi al personale, il raggiungimento degli obiettivi, e molto altro riguardante un Comune.

Il Rating è uno strumento non per addetti ai lavori, ma per i cittadini, gli imprenditori, gli enti no-profit, che vogliono passare dalla protesta alla proposta.

Il Sindaco di Grosseto è il primo in Italia ad avere avuto il coraggio di offrire la collaborazione della sua Amministrazione a questa iniziativa, firmando un protocollo di intesa con Fondazione Etica, cui lavoreranno anche Caritas e Confindustria Grosseto.

 

Rep_ITA Vai al Sito Rating pubblico

Associazione industriali, Caritas Diocesana, Fondazione Etica
siglano un protocollo di intesa a Grosseto e chiamano a parteciparvi imprese, cittadini, banche, associazioni

Il Comune di Grosseto, su proposta del suo Sindaco, Emilio Bonifazi, ha deciso di aderire al nostro progetto. Pertanto, la proposta di sottoporsi a Rating Pubblico è stato portata e deliberata in Giunta. Qui la delibera

L’amministrazione all’esame di etica (Il Tirreno – 29 novembre 2015) Qualità e trasparenza il comune fa scuola (La Nazione – 29 novembre 2015) Per spendere meno e meglio il Comune va a fare l’esame (Il Tirreno – 11 settembre 2015 ) Impegno civico dei cittadini (Corriere della Sera – 5 giugno 2015) Caro comune, ti…

Vedi Anche

© 2013 Fondazione Etica.
Top