Open/Close Menu

Il lavoro culturale. Come combattere la corruzione

Non può esserci crescita in un Paese in cui la corruzione e’ diventata costume nazionale. Ci vorranno norme severe, sanzioni pesanti, e soprattutto la determinazione ad applicarle.

Tuttavia, neanche così la corruzione potrà dirsi vinta: il degrado morale è tale, ormai, che occorre ricostruire l’intero tessuto culturale della nazione, usurato e offeso da anni di malgoverno e malaffare ad ogni livello. Un lavoro così non può che essere un lavoro lungo, perché “lavoro culturale”, come lo chiamava Luciano Bianciardi. Nessun governo, nessuna classe dirigente, può prescinderne, pena il fallimento di ogni altra misura.

Il lavoro sarà lungo ma non parte da zero: la parte prima della Costituzione garantisce ancora basi solide alla democrazia italiana. Basterebbe solo volerla attuare seriamente.

© 2013 Fondazione Etica.
Top