Stefano Saglia

Stefano Saglia

Stefano Saglia vive a Brescia ed è nato a Milano il primo febbraio 1971.

Inizia a far politica giovanissimo. Giornalista professionista dal 1996, ha sempre avuto un particolare interesse per le materie economiche e per il rapporto esistente tra attività produttive, formazione e problematiche sociali. 
Dal 1995 al 2000 è stato Dirigente presso l’Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale della Lombardia. Nel 1995, approda a soli 24 anni al Consiglio Provinciale di Brescia, dal 1999 al 2001 ne è Vice Presidente ricoprendo l’incarico di Assessore al Lavoro e alle Attività Produttive.

Eletto per la prima volta alla Camera dei Deputati nel maggio del 2001, è stato confermato nelle Elezioni Politiche sia del 2006 che del 2008. Nella XV Legislatura è stato Vice Presidente della Commissione Attività Produttive della Camera.
E’ tra i fondatori dell’Intergruppo Parlamentare sulla Sussidiarietà. Relatore alla Camera di importanti riforme tra le quali il riassetto del settore energetico in Italia, la legge sulla tutela del Risparmio, quella sull’Impresa Sociale e sulla semplificazione amministrativa. Rieletto nelle Politiche del 2008 alla Camera per il Popolo delle Libertà, è Presidente della XI Commissione Lavoro Pubblico e Privato fino all’aprile 2009.

Viene nominato Sottosegretario di Stato allo Sviluppo Economico e giura nelle mani del Presidente del Consiglio il 30 aprile 2009. Riceve le deleghe dal Ministro in materie di competenza del Dipartimento Energia, nonché in materie inerenti mercato, concorrenza, consumatori, vigilanza e normativa tecnica. 
Saglia è stato anche delegato alla Presidenza del CNCU, Consiglio Nazionale consumatori ed Utenti.
E’ stato vicepresidente del Consorzio Inn.tec. dell’Università di Brescia e membro del Consiglio di amministrazione dell’Immobiliare Fiera di Brescia.
Attualmente è membro della Commissione Attività produttive della Camera dei deputati.

Il Governo Monti ha dimostrato di essere in linea con l’intenzione del Governo precedente con l’approvazione della riforma costituzionale del titolo V.

© 2013 Fondazione Etica.
Top