Valerio Onida

È nominato giudice costituzionale dal Parlamento italiano il 24 gennaio 1996. È eletto presidente il 22 settembre 2004. Cessa dalla carica di presidente della Corte costituzionale il 30 gennaio 2005. Attualmente è docente di giustizia costituzionale presso l’Università degli Studi di Milano. Collabora con Lavoce.info.[1] Nel 2010 si è candidato alle primarie del centrosinistra per le elezioni del sindaco di Milano, arrivando terzo con il 13,41% dei voti. Il vincitore è stato Giuliano Pisapia, il secondo Stefano Boeri, il quarto Michele Sacerdoti.

Opere:

* Gli statuti regionali di fronte al Parlamento: rilievi critici su una vicenda parlamentare (con Franco Bassanini), Giuffrè, 1971

* Problemi di diritto regionale (con Franco Bassanini), Giuffrè, 1971

* L’ordinamento costituzionale italiano dalla caduta del fascismo all’avvento della costituzione repubblicana. Testi e documenti, Coop. libraria universitaria, 1976

* L’ordinamento costituzionale italiano: materiali e documenti, UTET, 1990

* Costituzione. Perché difenderla, come riformarla (con Giancarlo Bosetti), Ediesse, 1995

* Il giudizio di costituzionalità delle leggi (con Marilisa D’Amico), Giappichelli, 1998

* Viva vox Constitutionis, Giuffrè, 2003

* La Costituzione, il Mulino, 2004

* Compendio di diritto costituzionale (con Maurizio Pedrazza Gorlero), Giuffrè, 2009

 

© 2013 Fondazione Etica.
Top