La battaglia tardiva sulle regole

Autore:

Header-Renzi-Civati-640x2501Alcuni candidati in pectore alla segreteria del Pd hanno comprensibilmente iniziato a puntualizzare che la loro partecipazione e/o vittoria molto dipenderà dalle regole del congresso, secondo alcuni da cambiare e secondo altri no. Finalmente, verrebbe da dire. Peccato però che siano in ritardo di sei anni. Caro Renzi, caro Civati, dove eravate quanto il Pd doveva nascere, nel 2007, e l’Associazione per il Partito Democratico, i Cittadini per l’Ulivo e altre associazioni civiche facevano la battaglia sulle regole? Ora stanno tutti attenti a quale sarà il regolamento congressuale, ma solo perché si devono candidare in prima persona. Quando ancora si era in tempo a non sciupare il Pd, a cercare di dargli le regole giuste perché funzionasse, perché chi era dentro ai partiti Ds e Margherita, come appunto Civati e Renzi, non fecero la loro battaglia? Forse perché allora non avevano alcuna convenienza a esporsi e mettersi contro l’establishment? Ora hanno la forza per imporsi, allora forse no.

© 2013 Fondazione Etica.
Top