Lavoro culturale

La Fondazione è nata non per fare libri e convegni, ma per incidere sulle politiche pubbliche e coinvolgervi i cittadini.
Per questo, ci rivolgiamo non agli “addetti ai lavori”, con un linguaggio tecnico, ma all’opinione pubblica, con un linguaggio divulgativo.

Il cambiamento del sistema pubblico, delle sue politiche, richiede prima di tutto un cambio di mentalità e quindi un lavoro culturale: pensiamo che questo sia la premessa di ogni proposta.
Il termine venne, sviluppato da Luciano Bianciardi nel romanzo “Il lavoro culturale” (1957), ma è ai partiti del dopo-guerra che se ne deve la prima testimonianza: in un passato non lontano (anni ’70 circa) tra i vari dipartimenti di partito (casa, giovani, etc..) era previsto anche quello culturale ed esso era chiamato non Ufficio Cultura (come potrebbe essere oggi), ma Lavoro Culturale, come a volerne sottolineare la concretezza.

Noi ripartiamo da quell’impostazione.
La sfida è saper tradurre concetti difficili in parole semplici, sia nell’illustrare i nostri progetti e attività, sia nell’intervenire sui temi di attualità.

Attualità

In questa sezione proponiamo punti di vista e approfondimenti su temi di attualità. Le nostre attività, infatti, hanno per loro natura uno sviluppo generalmente di medio periodo, ma riteniamo che sia importante esprimerci anche su questioni inerenti la vita di tutti i giorni.

La necessità di una due diligence… Mentre si continua a fare eventi sull’open government e sulle smart cities, si trascura il dato vero delle Pubbliche Amministrazioni italiane: che, a parte alcune scontate best practice, esse non sono né smart né open.

L’attenzione mediatica di questi giorni sulle nomine pubbliche sembra, inspiegabilmente, trascurarne una di grande rilevanza: quella di direttore generale dell’Agid, l’Agenzia per l’Italia Digitale. E ciò è sintomatico della considerazione residuale che l’innovazione tecnologica ancora riscuote nel nostro Paese: acclamata da tutti, a parole, come la chiave di qualsiasi prospettiva di sviluppo, è stata sinora relegata…

Sino ad oggi le politiche sociali sono state considerate un mero costo. Fare assistenza agli anziani…

Blog

Poiché non vogliamo fare un sito-vetrina, ospitiamo anche un blog come spazio aperto ai contributi dei cittadini. L’obiettivo è promuovere e contribuire alla diffusione di idee che escano dalla tendenza al pensiero dominante di molti media, non si limitino all’apparenza e provino ad andare in profondità, con punti di vista anche originali.

Fondazione Etica è stata ammessa come partner di Global Partnership for Social Accountability, organismo di World Bank, con sede a Washington D.C. Ne fanno parte oltre 300 partner, tra governi, istituzioni, associazioni. Questa è la mission (dal sito web) THE GPSA – World Bank Even today, we are facing challenges like growing inequality, corruption, and…

Fondazione Etica collabora e partecipa all’evento che si terrà Lunedì 6 Maggio, promosso da Civicum, insieme ad associazioni ed istituzioni. In particolare, cureremo uno dei workshop del pomeriggio.

Le previsioni di lungo periodo contenute in un recente studio della società PwC delineano un futuro impietoso per l’Italia che, da qui al 2050, scenderebbe dal 12° posto al 21° nella classifica mondiale in termini di PIL. Non sono pochi i paesi che perdono terreno innanzi alla crescita delle economie emergenti, Cina e India in…

 
 

Sostenitori e Partner

ecp
 
 
 
 
 
 
 

Vedi Anche

© 2013 Fondazione Etica.
Top